Perché... - MUSIKIOSChO

Portatori Sani di Felicità
Vai ai contenuti

Menu principale:

Perché...

Bertiolo, 6 gennaio 2007


Giornata di mestizia...: si sa, “la Befana tutte le feste le porta via”!
Guardando la via del paese, seduto al tavolo del bar, la mente incomincia a viaggiare velocemente, in avanti nel tempo.
Lavoro, Impegni, Carnevale ... e poi qualcosa di chiaro e netto ti blocca il pensiero: “Anche quest’anno ci sarà la Festa del Vino in paese” e subito i ricordi, i bicchieri bevuti in compagnia, i sapori e profumi, le vie animate, l’impegno di giovani e vecchi, le foto nei portoni che ti riportano al vissuto di altri, gli aneddoti ripetuti, amplificati, ma chissà perché, sempre divertenti...
Mentre ti scorrono davanti tutti i colori, l’allegria, gli sguardi, le emozioni vissute, arrivano gli amici e dalla loro espressione intuisci che hanno in testa lo stesso tuo sogno.
Parli, parli finché le parole scivolano sulla prossima manifestazione , quella che per tre fine settimane porrà il paese a rinnovare il suo modo di essere.
Racconti, parole, esagerazioni,....e poi ci si chiede: “perché non fare una suonata per il paese, magari sul solito carretto”.
Questo, però, all’improvviso non ci basta più: “perché non ascoltare anche altri, ognuno con il suo genere, ognuno con il suo bagaglio di racconti, ognuno con la sua storia” e “ chissà quanti durante le ore della festa vorrebbero far qualcosa, ma si limitano a camminare, a bere e mangiare”.

Come fare per permettere che ciò si realizzi?

Una sola risposta concitata ci veniva alla mente: “Facciamo un chiosco dove suonare e sentire musica, godersi scene di teatro, cantare, ...insieme a tutti”.

Una stretta di mano e via.

Roberto


Per noi la tradizione non è solo riproporre in chiave nostalgica, il passato, ma continuare quella cultura, radicandola nei nostri tempi, dove una lingua, un dialetto non sono una barriera che distingue che isola, ma un mezzo che accoglie e accomuna.

La musica è un linguaggio universale, capace di abbattere tutte le barriere, quelle che talvolta separano i vecchi dai giovani, le donne dagli uomini o gli stranieri dai locali.       

       Ange

Da quanto mi ricordo, tutto é nato da quattro chiacchere fatte tra amici che dilettantisticamente si dedicano alla esecuzione di musica di tutti i generi.
Avendo preso coscienza che suonare assieme é soprattutto divertimento si é pensato di estendere questa sensazione anche ad altre persone.
L'idea di realizzare un chiosco, nell'ambito della Festa del Vino di Bertiolo, dedicato soprattutto al mondo della musica (suonata e non solo ascoltata) cominciava così a prendere forma. Ovviamente ci sono stati piccoli e grandi ostacoli da superare, ma quello in cui credavamo non ci ha fatto desistere.
Così é nato il
MUSIKIOSChO dove, sul piccolo palco, si sono alternati gruppi e solisti dediti alla passione di suonare.
L'intento principale era quello di divertirsi e di far divertire le persone presenti coinvolgendoli il più possibile nella nostra atmosfera.

Il nostro motto era ed é "
il divertimento innanzitutto"

Nelle attività del
MUSIKIOSChO vogliamo coinvolgere artisti che suonano, che recitano, che dipingono, che eseguono sculture, che realizzano foto o filmati e chi ne ha più ne metta.

Roberto

© by MKG ~ 2007 - 2018 ~ Tutti i diritti riservati ~ Aggiornato il 22/01/2018
Torna ai contenuti | Torna al menu